memory bergamo

MEMORY FOAM – CHE COS’È E PERCHÉ FA BENE ALLA SCHIENA

Quante volte in televisione hai visto delle pubblicità sui materassi memory foam e ti sei chiesto “che cos’è il memory foam?” Hai visto delle offerte presentate come più che convenienti di un prodotto di cui non conosci magari neanche il significato.

 

MEMORY FOAM SIGNIFICATO

Iniziamo subito chiarendoci un semplice concetto: che materiale è il memory foam? Si tratta di una schiume densa a base di poliuretano a cui vengono aggiunti delle sostanze per alterarne la densità. Niente di particolarmente complesso, ma si tratta di un’invenzione straordinaria che ha cambiato il modo di dormire di tantissime persone.

Le opinioni sul memory foam sono tutte positive perché si tratta di un materiale viscoelastico, cioè che riesce a deformarsi e a reagire ai pesi in maniera del tutto innovativa. Le caratteristiche del memory foam portano questo materiale a reagire non solo al peso del nostro corpo, ma anche al calore! In buona sostanza è un materiale che in ogni suo punto può deformarsi in maniera diversa.

Il materiale ha questo nome perché è come se avesse una memoria: riesce cioè a ricordare le deformazioni ricevute per alcuni secondi. Puoi provare direttamente questo piccolo esperimento su un qualsiasi strato memory foam: poggia la mano, fai un po’ di pressione e sollevala. Vedrai che è rimasta la sua impronta, che resterà impressa per alcuni secondi. Lo strato tornerà poi lentamente allo stato iniziale.

PERCHÉ SCEGLIERE IL MEMORY FOAM?

Avrai già intuito il potenziale di questo materiale. In ogni suo punto riesce a rispondere in maniera diversa al tuo peso. Questo significa che la testa, il tronco e le tue gambe avranno un sostegno differente. L’obiettivo è far sì che la tua schiena di notte possa essere perfettamente dritta. Dormirai cioè in una posizione molto più naturale, che ti permetterà di riposare gambe, addome e collo beneficiando di un sano sonno ristoratore.

VANTAGGI ED DIFETTI DEL MEMORY FOAM

Che cosa succede quando si prova a dormire su uno strato con queste caratteristiche? Provando ad appoggiarci succede che il materasso si deforma ed inizierà a “ricordare” la deformazione necessaria per supportare il nostro peso. Si crea così una nicchia in cui, soprattutto per chi dorme a pancia in su, sarà possibile mantenere una posizione perfettamente rilassata, riducendo tutti i fastidi e dolori muscolari. Chi dorme di lato, invece, avrà finalmente la possibilità di evitare quei caratteristici mal di schiena che, al risveglio, rendono la giornata più difficile.

Con questa “nicchia” felice che il materasso ci ha regalato, soprattutto in inverno avremo la certezza di dormire caldi e soprattutto in una posizione confortevole. Ma come fare in estate? Essendo un materiale avvolgente, una piccola percentuale di acquirenti ha dichiarato di soffrire il caldo in estate. Proprio per questa ragione è importante scegliere il materasso memory con cura e facendo attenzione alla garanzia e alla qualità del prodotto e delle materie prime utilizzate.

Per aumentare ridurre l’accumulo del calore, noi consigliamo sempre ai nostri clienti prodotti con caratteristiche qualitative elevate, anche perché*ormai il prezzo dei memory foam è diventato davvero alla portata di tutti. Va bene quindi risparmiare ma bisogna sempre fare attenzione al rapporto qualità- prezzo. Ai nostri clienti proponiamo solo materassi fabbricati in Italia e che combinano il memory foam e water foam. Quest’ultimo infatti, il poliuretano espanso, ha un elevato potere traspirante per cui eviterai di sudare e soffrire il caldo anche d’estate.

MEMORY FOAM – OPINIONI DEGLI ESPERTI

Medici e ortopedici consigliano questo tipo di materiale a chiunque soffra di mal di schiena, dato che permette di alleviare la tensione accumulata durante la giornata e di mitigare problemi e patologie varie. Il memory foam è consigliato addirittura a chi soffre di lombalgia o anche di allergie. Infatti tra le specifiche tecniche di molti prodotti o accessori in memory foam si legge anallergico. Questo perché il materiale naturalmente evita l’accumulo di sudore ed umidità grazie alle nuove tecniche che lo rendono altamente traspirante. In questo modo il prodotto diventa antiacaro, poiché crea un ambiente con un tasso di umidità e con un pH sgradito a questi piccoli insetti, tanto nocivi a chi soffre di allergie.

ACCESSORI IN MEMORY FOAM

Sapevi che con il memory foam sono realizzati tantissimi accessori? I vantaggi di questo materiale sono infatti così evidenti che vengono prodotti in commercio selle per motociclette e addirittura scarpe in memory foam.

MEMORY FOAM O MOLLE INSACCHETTATE

Anche in questo caso è impossibile stabilire a priori quale sia meglio. Molto dipende dalle esigenze. I materassi a molle insacchettate sono più costosi ma si basano su una tecnologia completamente diversa e molto più complessa rispetto a quella utilizzata in passato. Ogni molla viene resa indipendente attraverso un “sacchetto” in cotone. In questo modo il materasso avrà tante differenti portate, a seconda della parte del corpo che va a sollecitarla.

POSIZIONE NEL SONNO E PERSONALITÀ

Posizione sonno personalita

Ognuno di noi ha una posizione nel sonno preferita, chi supina chi prona: per alcune persone risulta addirittura indispensabile assumerla per riuscire a dormire.

Uno studio ha proprio evidenziato come la postura mantenuta a letto sia direttamente collegata con una particolare personalità: “Learn to sleep well” è appunto uno studio su un migliaio di persone adulte, sia maschi che femmine, condotto dal Professor Chris Idzikowski, uomo a capo della Sleep Assessment and Advisory Service di Londra.

DIMMI COME DORMI E TI DIRÒ CHI SEI

Osservare come dorme una persona può rivelarci molti lati anche nascosti riguardo la suapersonalità e le posizioni assunte durante il sonno difficilmente traggono in inganno: secondo gli studiosi infatti quando entriamo in una fase di sonno profondo tendiamo a dormire sempre nella stessa posizione, quella che più ci fa sentire comodi e che rappresenta meglio rispecchiando meglio il nostro carattere.

Da questa ricerca è emerso infatti che solo il 5% del gruppo preso in esame cambiava la propria posizione assunta di solito nel letto, probabilmente perché ognuno di noi assume la postura a letto che più si avvicina al proprio modo di essere.

Sulla scia della moda attuale riguardo la lettura e il linguaggio del corpo, andiamo ora a vedere i risultati di questo particolare studio, che però sembra avere radici ben fondate.

POSIZIONE SUPINA E DEL SOLDATO (8%)

Addormentarsi appoggiati sul dorso, con la pancia verso l’alto e le braccia adagiate lungo i fianchi indica una struttura di pensiero molto rigida e una personalità che difficilmente esprime pienamente le proprie emozioni: sono infatti persone calme, molto riservate, rigorose e che non apprezzano la confusione, ma sono spesso molto sicure delle loro capacità e in genere hanno una elevata autostima.

POSIZIONE PRONA IN CADUTA LIBERA (7%)

Chi prende sonno a pancia in giù con le braccia allargate sui alti (come in un tuffo) in genere risulta una persona scontrosa, sempre pronte a scattare alla minima critica e particolarmente insofferenti allo stress.

POSIZIONE DEL CERCATORE (13%)

La particolarità del cercatore è che dorme con su di un fianco, ma con entrambe le braccia protese verso l’avanti, proprio in cerca di qualcosa: in genere sono persone espansive e aperte, ma che in alcuni casi possono diventare molto sospettose. Sono persone molto indecise, o meglio, ci mettono molto a prendere una decisione, ma quando quest’ultima è stata presa, difficilmente cambiano idea.

POSIZIONE A TRONCO (15%)

Chi dorme su un fianco con le braccia lungo i lati assume la posizione a tronco: è una persona socievole e tranquilla, a cui piace stare in compagnia e fidarsi anche degli estranei, fino a dimostrarsi in alcuni casi ingenui.

POSIZIONE FETALE (41%)

All’apparenza un duro, si rivela in verità un animo molto sensibile capace di rilassarsi facilmente; le donne assumono questa posizione il doppio delle volte rispetto agli uomini.

A questa aggiungo io quella semi fetale nel quale si dorme con le gambe allungate e non rannicchiate: personalità equilibrata, capace di adattarsi senza problemi a situazioni, spesso anche con coraggio.

POSIZIONE A STELLA (5%)

Se dormite sdraiati sul letto come l’uomo vitruviano di Leonardo (gambe e braccia larghe) siete persone propense a fare amicizia, ad ascoltare gli altri e ad offrirgli il vostro aiuto; in genere però potreste tendere ad non assumervi volentieri responsabilità e non amate essere sotto i riflettori.

SALUTE E POSTURA A LETTO

Ricordiamo sempre che è importantissimo dormire bene, con un sonno profondo e riposante, oltre al dormire nella posizione corretta: essendo che nel letto rimaniamo circa per otto ore di seguito al giorno, restare in posizioni scorrette può alterare la fisiologia della digestione, della postura, spesso arrivando a creare dolori fisici e problemi alla schiena  e al suo allineamento.

Dormire fa bene alla salute!

Può sembrare la scusa ideale per chi è pigro, ma secondo le ultime ricerche dormire fa bene al nostro organismo. Fa bene alla pelle, al cervello, agli occhi ed evita la depressione. Come mai? Ecco le risposte delle più recenti ricerche scientifiche.

Svegliarsi il mattino dopo un sano sonno ristoratore può davvero fare la differenza: si riesce ad affrontare la giornata con maggiore concentrazione, energia ed equilibrio. Certo non bisogna esagerare, ma è evidente che dormire fa bene: rigenera i nostri tessuti muscolari e permette finalmente ad una parte del cervello di riposare.

Dormire fa bene al cervello

Il Journal of Sleep Research ha pubblicato un nuovo documento che conferma scientificamente quanto noi avevamo già ipotizzato: dormire fa bene eccome! Il sonno, oltre ad essere essenziale per riattivare le nostre centraline fisiche per spingerci ad affrontare le sfide di ogni giorno, aumenta e migliora il valore dei comportamenti cognitivi.

La ricerca ha analizzato il comportamento di un campione di individui controllando il numero di ore di sonno. E’ stato provato che il gruppo a cui veniva chiesto di dormire 10 ore per notte rispondeva meglio alle sollecitazioni cognitive e ai test psico-fisici a cui sono stati in seguito sottoposti.

Dopo la prima settimana è stato chiesto ad entrambi i gruppi di dormire soltanto 3 ore per notte per un’altra settimana. Dopo la seconda settimana, è stato chiesto loro di rispondere ad esercizi cognitivi per testare gli effetti della mancanza del sonno ed è risultato che:
Coloro che nella prima settimana avevano dormito di più hanno avuto risultati migliori e i tempi di recupero del sonno erano più rapidi a differenza del secondo gruppo che aveva dormito “come da abitudine”.Dormire fa bene al nostro organismo! Si vive meglio…

Dormire fa bene alla pelle e ai capelli

A dirlo è questa volta The Hair And Beauty Partnership in London. Secondo i ricercatori, infatti, per capire perché dormire fa bene alla salute bisogna suddividere la notte in 3 diverse fasi.

Dalle ore 20.00 alle ore 23.00 il nostro organismo “spegne i motori”, il metabolismo si ferma e c’è una fase di idratazione e stimolo di pelle e cuoio capelluto

Dalle 23.00 alle 03.00 c’è la fase di nutrimento di pelle e capelli.

Dalle 03.00 alle 05.00 l’organismo letteralmente si riposa.

Ciascuno di questi momenti è indispensabile e, sebbene nessuno sia abituato ad andare a dormire alle otto, è fondamentale dormire almeno sette o otto ore ogni notte. La mancanza cronica di sonno può portare a gravi conseguenze sulla pelle.

Dormire fa bene ai muscoli

Chi fa attività sportiva lo sa benissimo: dormire bene fa bene allo sviluppo muscolare del nostro organismo. E’ scientificamente provato che nella prima fase del sonno il corpo umano secerne l’ormone GH adibito alla crescita. Un toccasana per la nostra salute e forma fisica. Per migliorare gli effetti di questa rigenerazione muscolare, è fondamentale una buona cena proteica, povera di grassi e carboidrati complessi che aiuti l’organismo ad alimentarsi anche durante il sonno. Il cuore, di questo sviluppo muscolare non può che trarne benefici.

Dormire fa bene al cuore

A svelarlo sono un gruppo di ricercatori olandesi secondo i quali dormire fa bene al cuore e all’apparato cardiocircolatorio. Dormire almeno sette ore ogni notte abbassa del 22% il rischio di infarto ed ictus. Ovviamente a ciò bisogna associare una corretta alimentazione e uno stile di vita sano senza sigarette e con pochissimi alcolici.

Come fare per dormire bene allora?

La scelta del materasso è fondamentale. Quante volte vi è capitato di svegliarvi di notte con formicolii e crampi notturni? E’ evidente che il vecchio materasso a molle non può permetterci di riposare in maniera adeguata. Molto meglio invece i nuovi materassi in lattice o i materassi memory che permettono alla colonna vertebrale di stendersi e conservare la sua posizione naturale.

Forse quindi è meglio correggere la frase: non è vero che dormire fa bene, ma è vero senza dubbio chedormire bene fa bene! Attenzione quindi a come scegliere il materasso: da questa importantissima scelta dipende la nostra salute.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI PRODOTTI PER RIPOSARE BENE SUL NOSTRO SITO, OPPURE VIENI A TROVARCI NEL NOSTRO SHOW ROOM SULLA STRADA PROVINCIALE DELLA VAL GANDINO, DIFRONTE AL NUOVO SUPERMERCATO IPERAL DI CASNIGO, PER PROVARLI DI PERSONA SENZA IMPEGNO!!

guanciali omaggio sull’acquisto di un materasso matrimoniale

PROMOZIONE DI APRILE

TORNA A GRANDE RICHIESTA L’OFFERTA

GUANCIALI OMAGGIO

IMG_5285

In OMAGGIO 2 GUANCIALI IN MEMORY COMPLETAMENTE SFODERABILI E LAVABILI sull’acquisto di un materasso matrimoniale di qualsiasi tipo!!
Offerta valida fino ad esaurimento scorte, affrettatevi..